Ti ricorderò sorridendo, di Marilena Di Micco [RECENSIONE]



Ciao a tutti. Stasera non riesco proprio a sprizzare gioia da tutti i pori come di solito faccio e questo perché ho appena finito di leggere un romanzo che mi ha regalato emozioni così intense da farmi continuare a piangere anche adesso. Ma devo riuscire a riprendermi, almeno per potervene parlare. Avete presente quelle storie che ti piacciono a impatto? Anche se la scrittura dell'autrice è particolare, diversa dalle altre? Quelle storie che appena pronunci il titolo ad alta voce sorridi e ti dici: Sì, questa storia è proprio il mio genere. Ecco, Ti ricorderò, sorridendo è proprio uno di quei titoli, di quelli che mi piacciono tanto, di quelli sui quali fantasticherei delle ore. Ma andiamo con ordine, non voglio raccontarvi troppo, non voglio togliervi il piacere di leggerlo solo perché ho rischiato di svelarvi qualcosa.  

Titolo: Ti ricorderò, sorridendo
Autrice: Marilena Di Micco
Genere: Young Adult
Editore: self-Publishing 
Il mio voto:

TRAMA

Elhaida è una ragazza come tante altre, ama i valori della vita, tiene alle persone che la circondano più di quanto tiene a se stessa, e si considera fortunata ad avere una famiglia, degli amici, un ragazzo che la amano allo stesso modo. 
Sembra andare tutto per il verso giusto, fino al giorno dell'incidente, in cui tutto il suo mondo viene stravolto. Incubo e realtà diventano due facce della stessa medaglia. Spetterà solo alla ragazza trovare la forza per risalire, e tornare alla sua vita. 
Ma niente potrà mai tornare com'era prima, e la vita spesso continua anche con qualche pezzo in meno, nonostante il vuoto che riporta. Cos'è accaduto veramente in quell'incidente? Chi sono in realtà le persone che circondano Elhaida? Spetterà solo a lei scoprirlo e riuscire finalmente a mettere insieme tutti i pezzi del puzzle, ma prima che sia troppo tardi. 
Una sfida contro il tempo, in cui solo l'amore può tutto ed essere la vera forza. 

Elhaida è una ragazza come tante, con una famiglia alle spalle, delle amicizie, un ragazzo di cui è segretamente innamorata; tutti i giorni deve fare i conti con le lezioni, le uscite, le ramanzine di una madre che non smetterà mai di preoccuparsi per lei. Ma una cosa particolare la distingue da molte altre: l'amore per la vita. Quel tipo di amore e di passione che non troviamo più così spesso. Quell'amore travolgente che ti porta a sorridere e ad essere sempre felice per quello che si ha. Un amore che non fa caso alle apparenze, a quanti vestiti si ha nell'armadio o a quale sia l'ultimo modello di cellulare uscito nei negozi.
Questo romanzo è un po' come un inno alla vita e a viverla senza rimpianti e rancori. Ho apprezzato più tutta la serie di valori ed emozioni che trasmette, che il romanzo in sé per sé; è stato un po' come trovare risposta e conferma a domande che mi ponevo già da molto tempo. 
La storia incanta sin dalle prime pagine, quando inizi a chiederti: che cosa accadrà adesso? Per poi scoprirlo e vedersi crollare il mondo addosso. Quello che ho provato non ha parole per essere descritto. Ho vissuto un'esperienza simile molti anni fa e ricordarla è doloroso, ma sono riuscita a sorridere tra le lacrime, nonostante tutto. 
Un appunto voglio farlo anche sulla scrittura di Marilena Di Micco. Il suo modo di scrivere è quasi onirico, molto diverso da quello solito standard che troviamo negli altri romanzi. Non so se sia un pregio o un difetto, a me personalmente è piaciuto, e a voi per deciderlo non resta che leggere tutta la storia!
E al termine di questa recensione, voglio lasciarvi con una frase tratta dal libro, una frase di una potenza devastante, una frase che mai è stata più vera:


Vivi ogni giorno come se fosse l'ultimo,
perché un giorno lo sarà davvero. 





Commenti

  1. Ciao, la tua recensione mi ha colpito molto, perchè il romanzo sembra molto intenso ed emozionante, diverso in realtà da quello che leggo di solito, ma mi ha incuriosita lo stesso!

    RispondiElimina
  2. Ciao Ariel! È davvero una storia molto carina, te la consiglio. La scrittrice fra l'altro ha un modo tutto suo di scrivere, molto diverso dagli altri. Quello che mi ha colpita molto è stato il rapporto della protagonista con il mondo, con i genitori, con gli amici. Ormai siamo abituati a leggere romanzi dove i personaggi si dichiarano guerra costantemente XD qui è diverso
    :)

    RispondiElimina
  3. Ciao Valeee!!! Mi hai incuriosita molto con questa recensione! Vorrei proprio leggerlo.
    L'ultima frase è bella tosta: è un po' il motto di tutti, credo, ma in quanti lo concretizzano davvero? Purtroppo diamo la vita per scontata fino a quando non accade una catastrofe che ci fa aprire gli occhi, ma poi certe volte è troppo tardi!
    Un abbraccione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nik! Hai ragione, l'ultima frase è tosta, dura anche... forse nessuno in realtà concretizza davvero questa cosa, magari l'importante è esserne consapevoli (anche se è difficile pure questo XD )

      Elimina

Posta un commento

I PIÙ LETTI

Il rumore dei tuoi passi, di Valentina D'Urbano [RECENSIONE]

25 DOMANDE SUI LIBRI [BOOK TAG]

Anthea, di Rebecca Mazzarella [RECENSIONE]

Io prima di te, di Jojo Moyes [RECENSIONE]

Raccontami di un giorno perfetto, di Jennifer Niven [RECENSIONE]