Il sito si è trasferito QUI

Il roseto, di Miriam Valentino [RECENSIONE]

Buongiorno Lettori! E anche con oggi aprirò in bellezza: il romanzo d'esordio di Miriam Valentino, Il Roseto, è un affascinante susseguirsi di misteri, rivelazioni e amori struggenti. Come definire un romanzo così? Sensibile, trasparente e infinitamente dolce. Caratterizzato da una scrittura piacevole e sobria. I personaggi sembrano voler uscire dalla storia, tanto sono così ben definiti, ognuno con le proprie caratteristiche e i propri sogni. E mentre leggiamo si ha come la sensazione di sentire quegli stessi profumi e quegli stessi suoni della campagna. 

Titolo: Il roseto
Autrice: Miriam Valentino
Genere: Rosa
Editore: self - Publishing 
Il mio voto:



TRAMA
Noemi è una diciottenne allegra e intuitiva, con molti sogni e un animo dal quale traspare tutta la sua vitalità. È temeraria e non si ferma di fronte a niente, nemmeno quando viene a conoscenza di quello che potrebbe essere il più grande segreto sulla sua famiglia. Inizia quindi a indagare, grazie anche all'aiuto dell'amica Isolina e all'appoggio di Gabriele, il principe dei suoi sogni. Tra loro potrà mai nascere una passione? Un amore? 
Le sconvolgenti rivelazioni sulla sua famiglia, porteranno Noemi a rincorrere una verità della quale lei stessa sarà protagonista.  
Un romanzo che conquista per la sua semplicità e per la sua travolgente sensibilità. Un'amicizia forte e indissolubile, che neanche il più grande dei segreti potrà spezzare. Ma il destino ha il serbo per Noemi qualcosa di molto più grande, qualcosa che riuscirà a capire soltanto grazie al suo forte intuito e alla sua determinazione.  
La campagna al tramonto era qualcosa che Noemi amava molto. Le piaceva guardare gli alberi da frutta, i filari delle viti, il grande campo degli ortaggi in quell'ora del giorno, quando i braccianti avevano smesso di lavorare, quando la luce rossastra rendeva tutto più bello. E poi, naturalmente, c'era la grande casa. Immersa nel sole delle sette cambiava di aspetto, sembrava quasi che prendesse vita, che si accendesse.
L'espressione della campagna al tramonto è tra le più belle. Così come lo sono altre espressioni, altri luoghi, il cui incanto rende tutto affascinante ciò che c'è di realistico. 
Concludo consigliando questo romanzo a chiunque abbia voglia di sognare ad occhi aperti, chiunque crede ancora che in ogni cosa possa esserci un mistero da svelare, a chi crede nell'amore e soprattutto nella profonda amicizia e nell'affetto reciproco. 
Grazie Miriam ♥




Il Fato degli Dei. Lacrime d'ametista, di Donatella Perullo [RECENSIONE]

Buongiorno Cari Lettori del Blog! Ormai dovreste conoscere la mia sfrenata passione per i fantasy e per tutto ciò che naviga ai confini tra realtà e fantasia. 
Anche se le api mi stanno dando del vero filo da torcere nel lavoro, non ho perso l'abitudine di leggere qualche paginetta prima di abbandonarmi tra le braccia di Morfeo. 
Dunque, è proprio in questi giorni che ho terminato di leggere il romanzo di Donatella Perullo: "Lacrime d'Ametista". Un fantasy tutto d'un pezzo, con una trama suggestiva, ben dettagliata ed estremamente intrigante che ho amato fin da subito. 
Niente viene lasciato al caso: dalla protagonista dal carattere dolce e spigliato, alla lupa che l'accompagna, al principe Fredric e alla perfida regina Irmin, tanto affascinante quanto crudele. 

Titolo: Lacrime d'ametista 
Autrice: Donatella Perullo
Genere: Fantasy
Editore: Butterfly Edizioni
Il mio voto:



TRAMA

Ognuno nasce con un fato, quello di Roswita è essere l'unica in grado di fermare la malefica Dea Irmin. Roswita è un'adolescente volitiva, cresciuta in un bosco, nascosta al mondo da Iosò, una misteriosa anziana che chiama nonna. Trascorre le sue giornate a studiare e a giocare nella natura insieme all'inseparabile Lupa; e non sospetta il perché del suo isolamento. Fin quando un giorno un incontro inaspettato la stravolge... ma lui è il principe Fredric dei Noctiluca, figlio della malefica Irmin. In un susseguirsi di eventi, intrighi e misteri, Roswita dovrà combattere per il proprio amore e per la salvezza del mondo rinunciando per sempre alla propria innocenza. Un romanzo dalla prosa delicata ma incisiva, scritto con maestria, che conduce in luoghi incantati e al contempo infernali. Lacrime d'Ametista è un fantasy fiabesco, destinato a lasciare un segno indelebile nel cuore dei lettori. 

Un romanzo dove ritroviamo tutti gli ingredienti del fantasy: dai castelli alle foreste incantate, a personaggi piuttosto strambi o misteriosi, dai buoni ai cattivi. 
Una storia d'amore con un tocco adolescenziale, dove si scatenano passioni, sguardi maliziosi, timidi sorrisi tra Roswita e il principe Fredric. Ma gli Dei hanno in serbo molto altro per loro. Sarà il destino a decidere quali strade dovranno intraprendere e quale dura prova sarà chiamata ad affrontare la giovane Roswita. 
Ignara del suo passato e del suo futuro, ella verrà a conoscenza di segreti inimmaginabili. 
Quale sarà la strada che dovrà percorrere? Cosa dovrà affrontare per salvare quello che ama? La lotta tra il bene e il male ha inizio. 

«L'amore può trascinare tutto con sé, anche l'odio più feroce»




Lacrime d'argento, di Viviana Leo [RECENSIONE]

Buongiorno a tutti! Oggi sono finalmente qui a recensire un altro romanzo di Viviana Leo. Scrittrice molto brava, ingegnosa e brillante, riesce a tenerti incollato alle pagine tanto che adesso non vedo l'ora di leggere il seguito! Ed ecco qui la mia recensione!


Titolo: Lacrime d'argento 
Autrice: Viviana Leo
Genere: Fantasy
Editore: self Publishing 


TRAMA
In una Lecce oscura e misteriosa, una giovane donna si aggira ogni notte per strada con un solo scopo: uccidere. 
Di giorno normale universitaria, di notte spietata cacciatrice, questa è Violet Lane. Aiutata da un cugino fuori dalle righe, una ragazzina ingenua alle prime armi e una sua vecchia conoscenza, proverà a stanare un gruppo di vampiri sanguinari, autori di traffici illeciti. Ma chi è davvero Violet?Perché odia così tanto i vampiri? E che ruolo ha l'affascinante ed enigmatico Damon, il vampiro che torna a tormentarla dal passato? Scordate i vampiri sdolcinati degli ultimi tempi, dimenticate le solite protagoniste fragili e svampite. Con coraggio e un pizzico di ironia, Violet riuscirà a condurvi nel suo mondo. 
Perché l'apparenza, spesso, inganna. 

Il libro scorre veloce che nemmeno ti accorgi di essere alla fine. Ricco di scene d'azione, malizioso e ironico, un urban fantasy tutto nuovo, completamente diverso dai soliti che siamo abituati a leggere.
Ho apprezzato la trama, la storia che non delude, i dialoghi di forte impatto e i caratteri dei personaggi, così diversi tra loro.
La protagonista è una dura con la D maiuscola, una ragazza sorprendente, con una doppia vita, che sa essere dolce ma immancabilmente audace. Ho adorato anche la figura di Susan, una ragazzina inesperta, ma combattiva e testarda. 
Il libro è un fantasy che racchiude un mondo di vampiri diversi. Sempre belli e affascinanti, seducenti ammaliatori di giovani umane, ma con un lato oscuro che scoprirete molto presto. Ritornano le croci e i paletti conficcati nel cuore, ritornano i veri vampiri.  
Ho amato la scena finale come forse non mi era capitato con nessun altro libro. 
Probabilmente avrei preferito una scrittura più lunga, che si dedicasse di più alle descrizioni dei personaggi, ma nel complesso è un romanzo che mi ha letteralmente sorpresa. 
Speriamo di poter leggere presto il secondo volume: "L'alba dei demoni".